Tutto nasce una quindicina di anni fa, dall'idea di uno dei nostri soci (Adami Luca) di realizzare un telaio artigianale con delle geometrie particolari e una distribuzione dei pesi all'epoca unica al mondo. L'intento finale era quello di partecipare al campionato italiano BOT (battle of Twins) non adoperando il solito motore Ducati. Nasce così Tucker (prendendo spunto per il nome dal film "Tucker un uomo e il suo sogno") motorizzata Yamaha TDM 850 I serie con albero 180° opportunamente rivisto che erogava circa 100 cv alla ruota e 11,6 Kgm di coppia 4900 giri. Per problemi di gioventù la moto ha ottenuto ottimi risultati in prova e qualifica ma non in gara. Dopo tre/quattro anni di gare a buoni livelli a causa di altri obiettivi da perseguire, la Tucker è stata accantonata per le competizioni. Solo nel 2008 con la nascita di Only Racing Verona, Luca con i suoi soci, hanno deciso di rispolverare ed evolvere il progetto Tucker. Nasce così la Tucker II che presenta la scelta definitiva sia a livello ciclistico (dopo varie prove con forcellone monobraccio e con forcellone tradizionale si è optato per il primo) sia a livello di motore (si è passati al motore Yamaha TDM 850 II serie con albero a 270° e con circa 105 cv alla ruota e una coppia di ben 12,5 Kgm a 5000 giri). riportiamo qui di seguito alcune foto del percorso evolutivo della Tucker.


 
Condividi: